fbpx
Formazione non motivazionale

Creare la strada del piacere

Esiste un modo, una strada per creare la strada del piacere?

Certamente sì. E contrariamente a quanto si possa pensare, il modo per creare la strada del piacere non è quello di eliminare le emozioni negative.

Uno dei motivi più frequenti per cui le persone si rivolgono ad un coach, è per cambiare in meglio uno stato d’animo, un’emozione negativa, per poter in questo modo stare bene.

Il fatto è che il segreto per star bene non è tanto eliminare il dolore, quanto coltivare la strada del piacere, perché se ci focalizziamo solo sull’eliminare il dolore, non diamo alla nostra mente una strada alternativa.

Una delle frasi che mi hanno colpito di più, e che hanno rappresentato la chiave che mi ha aiutato nel mio lavoro è: “Il segreto per stare bene non è eliminare il dolore”.

Ogni cosa che facciamo o che proviamo, è il risultato di programmi che abbiamo in qualche modo creato nella nostra mente. È anche per questo che il cervello viene spesso paragonato ad un computer.

Spesso questi programmi, che possiamo anche chiamare strategie, li abbiamo creati inconsapevolmente, e sono frutto di anni di esperienze, nostre o di altri, che abbiamo interpretato e registrato. Questo vale anche per le emozioni, positive o negative che siano.

Se ho creato nel tempo una strategia efficace per essere triste o arrabbiato, e dedico il mio tempo con impegno, per cercare di eliminarlo, non avrò la certezza di stare bene. Il segreto per stare bene è creare una strada più grande per provare benessere.

La mente, essendo programmata, va dove è abituata ad andare. Pertanto, se lavoriamo per eliminare qualcosa che da anni ci fa stare male, la nostra mente dice “hai eliminato la strada che avevo percorso per tanto tempo, ma adesso dove vado?”.

Se non abbiamo creato un altro programma, un’altra strategia, ovvero un’alternativa potenziante che porti il cervello a dire “questa è la strada nuova da percorrere”, non starà fermo per tanto tempo, e tornerà dove è sempre andato.

Razionalmente questo processo può sembrare assurdo (chi vorrebbe mai stare male?), ma emozionalmente non lo è.

Perché la nostra mente conosce quel programma.

In altre parole, la maggior parte delle persone crede che per stare bene si debba eliminare il dolore, ma non è del tutto vero: per stare bene bisogna coltivare il piacere.

Se vai dal dentista perché ti fa male un dente, l’anestesia ti fa stare bene per un po’, ma una volta svanito l’effetto dell’anestetico, il dolore torna. Se non curi il dente non starai mai meglio.

È assuefazione, è una sorta di metadone emozionale.

L’obiettivo per stare bene, dovrebbe essere quello di creare qualcosa di così potente che ti permetta non solo di stare meglio di come sei sempre stato, ma anche di replicarlo in qualsiasi area della tua vita. Perché un’altra caratteristica del nostro cervello, è la tendenza ad applicare lo stesso programma a diverse situazioni.

Un esempio che uso spesso è questo:

se riempissi un bicchiere di succo di limone, e ti chiedessi di berlo, potresti trovarlo sgradevole o troppo acido, e forse non ce la faresti a svuotarlo tutto di un fiato. Se anche svuotassi il bicchiere, è vero che non ci sarebbe più il succo, ma se lo annusassi sentiresti lo stesso l’odore, perché qualche residuo rimarrebbe. Immagina che il succo di limone sia l’equivalente delle emozioni negative che vuoi eliminare, cosa succederebbe se prendessi questo succo di limone, lo vuotassi in una brocca grandissima e lo riempissi di acqua fresca? Il limone sarebbe diluito. Il gusto del limone si sentirebbe ancora, ma non sarebbe più sgradevole.

Questo è quello che intendo io con generare emozioni positive.

Creare piacere, benessere emozionale, ha lo stesso effetto della brocca d’acqua con il succo di limone.

Se vuoi stare bene costantemente, il vero allenamento è creare nella tua mente tante abitudini, tante strategie, non uguali ma maggiori, di benessere, rispetto alle tue strategie per stare male.

Solo allora sarai in controllo dei tuoi stati d’animo, e le emozioni negative, faranno semplicemente parte del pacchetto, ma non costituiranno più una limitazione al tuo benessere.

about Andrea Favaretto

Ciao, sono Andrea Favaretto. Sono fondatore dell’Unconventional Coaching School® e del programma Successo Senza Sforzo. Sono passati più di vent’anni da quando ho mosso i primi passi nella formazione, come allievo, come trainer, come coach. L’idea che ognuno di noi possa prendere in mano la propria vita, il proprio tempo, e farne qualcosa che lo appassiona e lo rende felice mi ha sempre guidato nel trovare nuovi strumenti, nuove strade. Ho creato il programma e il corso Successo Senza Sforzo per mettere le persone, nella DIREZIONE giusta per scoprire il PROPRIO modello di successo. A presto! Andrea

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.